venerdì 9 ottobre 2009

L'attualità di un rigassificatore....

Il progetto elaborato dalla Shell sarebbe bene che lo analizzassero per bene i nostri amministratori e i manager della GAS Natural, così attenti all'equilibrio ambientale dello sviluppo del nostro territorio, perchè qualora questo progetto andasse in porto, la necessità di avere impianti di rigassificazione "landside" su terra ferma sarebbe del tutto fuori luogo ed obsoleto, con i relativi benefici che si avrebbero in termini ambientali per il nostro territorio.


La nave a Gpl - La Shell ha presentato il progetto per il primo impianto galleggiante per liquefare il Gpl, da posizionare al largo della coste dell'Australia occidentale. Si tratterebbbe anche della nave più grande del mondo. Se andasse a buon fine il progetto, sarebbe un passo importante anche perché aprirebbe la possibilità di sfruttare riserve di gas finora non utilizzate a causa della loro modesta ampiezza o per la loro distanza dalla costa (Royal Dutch Shell/Afp)

Shell to build floating LNG plant

Shell is to build the world's first floating LNG processing plant off the West Australian coast.

The company plans to process gas from its Prelude and Concerto fields in the Browse Basin off the Kimberley coast using floating LNG technology.

Federal Resources Minister Martin Ferguson says the technology will allow remote gas fields, which may otherwise have been not viable, to be unlocked.

"Obviously historically we have had LNG hubs on the mainland. On this occasion it's a choice between having gas reserves stranded or looking at a new technology," he said.

http://www.abc.net.au/news/stories/2009/10/08/2708739.htm?section=justin


Nessun commento: