giovedì 25 giugno 2009

Leggittima richiesta del Comitato


Comunicato Stampa del Comitato Vigiliamo per la Discarica

Ennesima istanza di chiarezza e trasparenza

rivolta da Vigiliamo per la discarica alla Regione

in merito alla deroga ai parametri di accettabilità dei rifiuti

chiesta da Ecolevante spa

Il Comitato Vigiliamo per la discarica ha rivolto un’istanza al dirigente del settore Ecologia e Ambiente della Regione Puglia.

Nell’istanza si afferma di aver appreso da notizie di stampa che sarebbe in corso un procedimento, istruito tramite conferenza di servizi, che riguarda la discarica Ecolevante s.p.a. sita nel territorio del Comune di Grottaglie.

E che tale procedimento avrebbe ad oggetto una non meglio precisata deroga ai parametri di accettabilità dei rifiuti in discarica, e che la stessa conferenza di servizi sarebbe stata rinviata a data da destinarsi.

Il comitato rilevare ancora una volta la totale mancanza di trasparenza da parte della Regione Puglia dal momento che dell’apertura di questo importante procedimento non è stata data notizia in nessuna forma notizia da parte dell’Ente regionale.

Infine, nel riservarsi di adire ogni autorità competente, il comitato Vigiliamo per la discarica ha chiesto di conoscere l’oggetto del procedimento in questione; di accedere agli atti del medesimo procedimento; che siano pubblicati nel sito internet della Regione Puglia tutti gli atti di questo procedimento; di conoscere la data in cui saranno convocate tutte le successive conferenze di servizi; di non adottare alcuna decisione senza aver previamente consentito la possibilità di proporre osservazioni all’interno del medesimo procedimento e di conoscere l’esito del procedimento stesso.

VIGILIAMO PER LA DISCARICA

comitato di cittadini e associazioni


Un commento a questa ennesima sacrosanta richiesta del Comitato Vigiliamo per la Discarica. Ma che paese è mai questo in cui:

  • una associazione ambientalista che ha partecipato attivamente in questi ultimi anni a tutti i procedimenti realativi alle autorizzazioni di ampliamenti/nuove discariche debba apprendere solo dai mezzi di informazione della effettuazione della avvenuta conferenza dei servizi in merito alla richiesta del gestore della discarica di Grottaglie di ampliare ulteriormente i parametri e le tipologie di rifiuti sversabili all'interno del suo immenso catino;
  • in cui frange della accozzaglia di forze politiche della variegata coalizione multicolore vincitrice delle elezioni Provinciali che ha sostenuto il Presidente Florido, si vanta del fatto di aver avuto l'esclusivo accesso a questo tipo di informazioni, avvallando quindi il concetto secondo il quale queste informazioni si devono e si possono sapere solo stando nella stanza del potere e dei bottoni, quindi se le volete, dovete passare da noi perchè solo noi abbiamo e avremmo questo privilegio. Mi domando e dico e la democrazia e la trasparenza dov'è andata a finire? E sopratutto la lotta per scardinare questo sistema?
  • in cui le stesse forze politiche si prendono l'arbitrio di comunicare sapientemente e strumentalmente solo ad alcune fonti e mani amiche codeste informazioni tenendo all'oscuro le altre quasi a voler coltivare una sorta di primato dell'informazione.
La risposta a questi quesiti è altrettanto desolantemente semplice, questo paese, questa Repubblica sta messa veramente male. Gli schieramenti, le fazioni, le ideologie, le logiche di potere hanno il sopravvento sulla volontà di costruire, sulla collaborazione, sulla unione delle forze, sulla trasparenza e la lealtà delle istituzioni e delle persone che le vivono.
Povera Italia.

8 commenti:

Anonimo ha detto...

Sentenza del Tar: legittime le discariche di rifiuti speciali a Taranto e Grottaglie

Sono stati respinti due ricorsi proposti dal Comitato Vigiliamo per la discarica ed un ricorso proposto dai Comuni di Taranto, Fragagnano, Lizzano, Faggiano e Monteparano.


Sono legittime le Autorizzazioni Integrate Ambientali rilasciate dalla Regione Puglia alle società Vergine ed Ecolevante per l’esercizio dell’attività di discarica di rifiuti speciali non pericolosi rispettivamente nel Comune di Taranto e nel Comune di Grottaglie.



E’ questo l’effetto di tre sentenze depositate nei giorni scorsi dalla Prima Sezione del TAR di Lecce (Presidente Ravalli, Estensore Viola) con le quali sono stati respinti due ricorsi proposti dal Comitato Vigiliamo per la discarica ed un ricorso proposto dai Comuni di Taranto, Fragagnano, Lizzano, Faggiano e Monteparano.



Il Giudice leccese, condividendo le tesi difensive svolte per le due società dagli Avv.ti Pietro Quinto e Luigi Quinto, ha ritenuto conformi a legge le autorizzazioni rilasciate e l’attività di discarica esercitata sia sotto il profilo procedimentale sia sotto il profilo sostanziale.



Il TAR ha in particolare rilevato come la partecipazione di tutti i Comuni ricorrenti alla conferenza dei servizi rappresenti la migliore garanzia di trasparenza e che tutte le richieste dagli enti formulate nel corso dell’istruttoria siano state sempre riscontrate se pertinenti all’oggetto del procedimento.



Il Giudice – ha commentato l’Avv. Luigi Quinto – ha altresì evidenziato come le problematiche relative all’impatto ambientale dei due impianti siano state diffusamente affrontate e positivamente risolte in sede di Valutazione di impatto ambientale con argomentazioni che non sono state superate dai rilievi dei comuni ricorrenti.



In buona sostanza – secondo il TAR – i due impianti in questione non possono in alcun modo costituire fattore di rischio per l’ambiente e la salute dei cittadini in quanto perfettamente compatibili e rispettose del quadro normativo esistente.

Anonimo ha detto...

L'articolo riportato nel post dell'anonimo 15,52 è stato pubblicato nel blog del COMITATO PER TARANTO, che correttamente ne riportava la fonte: SUDNEWS.

E gli premetteva questo titolo: IL TAR AUTORIZZA LA "PROVINCIA DELLA MONNEZZA".

E questa introduzione:
"VIENE SOLO DA OSSERVARE CHE, DI FRONTE AD UNA RETE DI LEGAMI ED INTERESSI OCCULTI E TRASVERSALI, SENZA LA FORZA DI VOLONTA' DELLA GENTE ESPRESSA ATTRAVERSO LA PARTECIPAZIONE E IL VOTO, RARAMENTE I PROCEDIMENTI GIUDIZIARI POSSANO TUTELARE I CITTADINI, ED IL TERRITORIO DIVENTA COME LA CELEBRE "GRAZIOSA" DI VIA DEL CAMPO, CANTATA DA DE ANDRE' ".

precisazione ritenuta necessaria da un lettore fedele del blog del Comitato per Taranto

Anonimo ha detto...

Precisazione opportuna direi visto che ormai sembra essere stabilito istituzionalmente che la Provincia di Taranto diventerà la Provincia delle Discariche

Anonimo ha detto...

Anonimo delle 15.52 lavori al Comune o sei un collaboratore dell' Avvocato Quinto?

Anonimo ha detto...

PIU' FANNO LE COSE IN MODO ILLEGALE E PIU' VENGONO LEGGIMATI.....

Anonimo ha detto...

perchè il comitato vigiliamo, accusa gli altri di "amicizie politiche" e le informazioni non le ricerca come fanno gli altri anzichè accusare senza sapere? poi poteva chiederle a settanni visto in quell'incontro ormai si sono chiariti, avranno pur un contatto! in ogni caso il loro avvocato non è il legale del comune di san marzano per alcune vicende? bè non gli hanno detto niente? strano
poi se sul sito non lo hanno trovato è un problema loro. non ho capito poi loro chi sono per tuonare contro glia altri, sembrano come quelle belle ragazze che c'e l'hanno d'oro e diventano gelose quando i ragazzi guardano qualcun'altra!! dovrebbero sapere, visto che sono baluardo di libertà e traparenza, diritti civili e chi più ne ha più ne metta, che anche gli altri sono contro la discarica mica solo loro?
che c'è hanno il primato? signori la trasparenza è giusto pretenderla, però non si può praticare bene e razzolare male!
il comitato forse dovrebbe rendersi conto che non può dire a gli altri quello che devono fare e quello che è giusto o sbagliato.
esprima il suo rammarico per le proprie aspettative legittime, gli altri, sono libero di fare come vogliono, non siamo mica in "forza italia" come qualcuno vorrebbe o avrebbe voluto!
Gaber:"la libertà è partecipazione" ognuno a proprio modo.
alla prossima, salutatemi settanni !! ognuno sulle proprie posizioni, ma per piacere!

Anonimo ha detto...

Tu sei iscritto a "Forza cretini", non puoi mai iscriverti in nessun altro partito (a meno che non sia un partito che abbia appoggiato un ben noto presidente della provincia appena rieletto), non solo a Forza Italia.

Anonimo ha detto...

ahahahahahahhhh